Se un tempo per dare movimento alla propria capigliatura si utilizzavano i cari vecchi bigodini, oggi si può fare ricorso a uno strumento molto più pratico e funzionale: l’arricciacapelli. Questo oggetto può semplificarci la vita e possiamo usarlo per rivoluzionare il nostro look in poche facili mosse, a casa e in tutta autonomia. Non serve andare da un parrucchiere e spendere cifre esorbitanti per far fare a qualcun altro un qualcosa che possiamo sbrigare da soli.

Basta acquistare una volta per tutte un buon arricciacapelli e il gioco è fatto. Una volta collegato alla corrente e scaldato l’arnese, basterà arrotolare la ciocca di capelli attorno alla punta per ottenere dei ricci perfetti, più o meno ondulati a seconda dell’effetto desiderato.

Bisogna però saper fare una buona scelta tra i tantissimi prodotti in commercio. Se si vuole ottenere un risultato ottimale senza correre il rischio di rovinare i capelli, occorre fare attenzione e valutare le caratteristiche del prodotto.

Gli arricciacapelli migliori si distinguono, oltre che per il marchio da cui sono stati realizzati, per le loro caratteristiche strutturali. Il materiale di cui è composta la punta (cilindrica o conica), può essere in alluminio, ceramica o titanio. Fra tutti i materiali con cui possono essere realizzati la ceramica è considerato tra i più performanti, poiché permette che il calore vada a distribuirsi uniformemente su tutta la superficie.

Possiamo dividere gli arricciacapelli in due principali macrocategorie. Della prima tipologia fanno parte quelli dotati di una spazzola, che può essere piatta o rotonda. Quest’ultima, emettendo un flusso d’aria calda, permette di arricciare i capelli anche quando non sono ancora asciutti, ma bagnati o umidi. In alcuni casi questi arnesi prevedono la modulazione della temperatura dell’aria, nonché la potenza con cui viene emessa. In alcuni casi è attraverso la moderna tecnologia degli ioni che conferisce idratazione e lucentezza alla capigliatura

La seconda categoria di arricciacapelli che si trova in commercio è quella costituita da spazzole termiche (o ferri). La superficie di queste spazzole può essere fatta di materiali differenti: una volta riscaldata tramite la corrente basterà prendere la ciocca interessata e avvolgerla attorno alla punta. A loro volta anche i ferri possono essere di varia natura. Ci sono quelli del tutto lisci, quello a doppia e a tripla onda o ancore quelli a spirale. Svariati modelli possiedono una ulteriore funzione di protezione che impedisce che la punti si surriscaldi.

Su Sceltaideale.it è possibile scegliere tra una vasta gamma di prodotti, selezionati in base alle caratteristiche e al prezzo. A seconda dell’effetto che si vuole ottenere si sceglierà un arricciacapelli di un determinato diametro: più grande è la dimensione, meno riccio sarà il capello. Per rendere l’acconciatura ondulata, quindi, si opterà per un diametro più spesso (38 mm è il massimo). Se invece si vogliono dei ricci più definiti, la scelta ricadrà su un diametro inferiore (tra i 9 e i 16 mm).