Cani e caldo : il buonsenso è fondamentale. Ecco le regole d’oro per affrontare l’estate con il vostro cane.

D’estate in città ma anche in vacanza col vostro cagnolino si può stare bene …solo seguendo il “buonsenso” proprio come mi ha spiegato Silvana Tarantola, da tanti anni volontaria e guardia zoofila ed oggi presidente dell’associazione Milano Zoofila.

Va tenuto sempre presente che i cani “indossano” costantemente una folta pelliccia..quindi..immaginate voi stessi sulla sabbia o sull’asfalto bollente con un cappotto in pelo (..rigorosamente in eco-fur!) sotto il sole del mezzogiorno : da impazzire, vero? Ecco come si sentono i nostri amici pelosi. Loro tra l’altro sudano solo dai polpastrelli e dalla lingua: immaginate l’arsura! Il colpo di calore poi, è dietro l’angolo. Ma andiamo con ordine.

Il buonsenso dice che non vanno portati in spiaggia od esposti al calore nelle ore centrali della giornata, per intenderci in quelle più calde, dalle 12 alle 16. Proprio come facciamo coi nostri bambini, no?

Il buonsenso dice anche che il cane deve stare all’ombra (la pelliccia, ricordate?). A meno che un cane anziano desideri stare qualche minuto al sole per “scaldarsi” le ossa , difficilmente un cane con 40° ama stare sotto al sole per ore come una lucertola : infatti è un cane e non un rettile. In spiaggia ombrellone o tendina obbligatori! In commercio ci sono anche dei tappetini refrigeranti.

Il buonsenso dice che il cane ha bisogno di acqua.Tanta e fresca. E visto che non sa parlare e chiederla quando ne ha bisogno, bisogna lasciare a portata di zampa la sua ciotola (all’ombra) costantemente piena di acqua fresca e pronta all’uso.

Bagnare il cane è una buona abitudine : anche lui ha bisogno di rinfrescarsi ed un bel bagno o una bella doccia anche con una bottiglia d’acqua gli faranno piacere!

rawImage

A proposito di bagno : proprio come per le persone, anche i cani hanno le loro preferenze. Non tutti amano tuffarsi tra le onde..a differenza di quelli che invece non aspettano altro che un cenno del padrone per lanciarsi in acqua! Nel caso il vostro caso sia più il primo che il secondo..fate con dolcezza! Un cane è dotato di sentimenti, emozioni ed intelligenza. Se ha paura dell’acqua e si tenta di trascinarlo nel mare (con le migliori intenzioni, ovviamente) potrebbe associare questo momento a qualcosa di traumatico e perdere un po’ la fiducia nel proprio padrone.

A pensarci è proprio come succede con Pietro : non ama le onde ..preferisce bagnarsi con cautela nella sua piscinetta a bordo mare! Guai a forzarlo..altrimenti potrebbe spaventarsi ancora di più!

dog-beach-frisbee_52190320

Così come noi abbiamo attenzioni particolari per i nostri capelli, cioè li risciacquiamo abbondantemente dopo il bagno in mare altrimenti diventano secchi e stopposi..anche il pelo dei cagnolini va risciacquato abbondantemente. Non è una questione estetica ma cutanea: il sale potrebbe aggredire l’equilibrio delicato della loro pelle e potrebbero insorgere dermatiti o altri fastidiosi problemi.

In città scegliete percorsi ombreggiati per le vostre passeggiate : le zampine dei vostri amici a quattrozampe sono super sensibili e si possono scottare sull’asfalto caldissimo. La borraccia è da portare : bagnate il pelo del vostro cane per rinfrescarlo. La borraccia serve anche e soprattutto per farlo bere, quindi non scordatela mai insieme ad una ciotolina (magari pieghevole e leggera da portare senza fatica). Ci sono anche dei collarini refrigeranti…che possono dare sollievo ai nostri migliori amici!

tumblr_nnxt7mqtKh1uqqu5co1_500

E’ stato bello chiacchierare con Silvana, lei ama davvero gli animali e mette tante energie e volontà nella sua associazione che non sia avvale di aiuti statali ma solo di offerte e volontariato. Milano Zoofila si occupa di curare e mantenere oltre a fornire un alloggio ai cagnolini di proprietà che non possono più essere tenuti dai loro padroni… ed ho scritto non “possono”..anche se purtroppo ancora troppe persone non “vogliono più” e si stancano inspiegabilmente del loro fedele amico.

Milano Zoofila ha anche un interessante progetto di divulgazione nelle scuole (asili, scuole elementari, medie e superiori) perché l’amore per gli animali va di pari passo con l’istruzione. Qui trovate i dettagli : potrete donare, diventare volontari oppure regalare una nuova vita ad un cagnolino in difficoltà adottandolo voi stessi..